Marialuisa Firpo è visual designer dal 1991.

si occupa di aspetti diversi della comunicazione e del design, dalla comunicazione aziendale sociale o culturale alla progettazione di gadget, dall’allestimento di mostre al disegno di tessuti.

Dal 1991 ha lavorato come art director per diverse realtà lavorative, sviluppando una grande esperienza in allestimenti museali, progettando tra le altre cose la grafica museale della Città della Scienza di Napoli.

Dal 2007 è libera professionista e cura l’immagine di alcune aziende e realtà culturali. Tra gli altri, l’Arte della Felicità, le Cantine di Marzo, la Città della Scienza, l’Unione Nazionale delle Camere Penali.

Dal 2002 ha frequentato il corso quadriennale per attore e conduttore di gruppi del teatro dell’anima diretto da Dario Aquilina. Da questa esperienza nasce l’esigenza di una ricerca che la porta ad alternare la sua attività professionale con la sperimentazione di nuove forme di comunicazione in cui visual design e teatro di ricerca interagiscono. Da qui nasce l’ideazione , con Gabriella Grizzuti, del format voci suoni segni in cui un testo è narrato attraverso diverse forme. Il racconto è integrato e completato da un intervento musicale dal vivo e dalla proiezione di segni e calligrafie realizzati live e proiettati addosso agli attori.